Home Calabria Proprietà del convento francescano di Fuscaldo, il sindaco promuove un’assemblea

Proprietà del convento francescano di Fuscaldo, il sindaco promuove un’assemblea

“Per amor di verità” è il tema dell’incontro promosso dall'amministrazione comunale di Fuscaldo per venerdì 26

19
0

FUSCALDO (Cs) – “Per amor di verità”. È questo il tema dell’incontro promosso dall’amministrazione comunale di Fuscaldo, guidata dal sindaco Giacomo Middea e che si terrà venerdì 26 gennaio alle ore alle ore 18:00, presso la Delegazione municipale di Fuscaldo Marina.

Un evento organizzato per fare chiarezza sulla vicenda legata alla proprietà dell’antico Convento francescano sito nel centro storico a Fuscaldo paese.

Secondo il gruppo Fuscaldo Europea che fa capo all’ex sindaco Davide Gravina, la proprietà del convento sarebbe stata strappata al Comune di Fuscaldo con un raggiro nel 1927 dai Padri Passionisti.

«Pubblicamente e dinanzi a tutta la nostra Comunità – si legge in una nota dell’amministrazione comunale – ristabiliremo una verità storica che non può essere sacrificata sull’altare di nessuna strumentalizzazione e nessuna menzogna.

A chi non farebbe piacere che il Convento fosse del Comune? Purtroppo, però, la storia, i documenti e gli atti sanciscono una realtà che da decenni è riconosciuta e sancita e le polemiche o, peggio ancora, le speculazioni, i tentativi di divisione sociale e gli atteggiamenti di odio e di offesa verso un ordine monastico, non giovano sicuramente alla secolare storia di una comunità come la nostra».

Fuscaldo Europea, invece, sostiene di essere in possesso di prove documentali inoppugnabili che dimostrano che il convento è di proprietà del Comune fin dal 1866.   E di conseguenza, le rivendicazioni dei Padri Passionisti, risulterebbero prive di ogni fondamento».

fiorellasquillaro@calabriainchieste.it

Articolo PrecedenteIl progetto “Gioia di vita” dedicato alle 11 famiglie che si sono arricchite di una nuova nascita
Prossimo ArticoloPiano di riordino della Rete ospedaliera, il Tar chiede lumi al direttore generale sul parere ministeriale