Home Attualità Reddito di cittadinanza: indagato per truffa Riccardo Bossi, primogenito del fondatore della...

Reddito di cittadinanza: indagato per truffa Riccardo Bossi, primogenito del fondatore della Lega Umberto

Secondo il pm, il figlio del Senatur ha percepito 280 euro ogni mese per un ammontare di 12.800 euro per la locazione di un appartamento dal quale era stato sfrattato in quanto moroso

31
0

VARESE – Secondo gli inquirenti tra il 2020 e il 2023 ha incassato indebitamente il reddito di cittadinanza.

Il pubblico ministero della Procura di Busto Arsizio (Varese) Nadia Alessandra Calcaterra ha depositato l’avviso di conclusione indagini e si prepara a chiedere il rinvio a giudizio.

Riccardo Bossi, assistito dall’avvocato Federico Magnante, si è avvalso della facoltà di non rispondere.

Avrà ora 20 giorni di tempo per chiedere di essere ascoltato e depositare memorie difensive.

Stando a quanto ricostruito dal pm Calcaterra, il figlio del Senatur ha percepito 280 euro ogni mese per 43 mensilità per un ammontare complessivo di 12.800 euro.

L’erogazione del reddito di cittadinanza era però collegata al canone di locazione di un appartamento come sostegno al pagamento.

Appartamento dal quale, però, secondo quanto accertato dagli inquirenti, Bossi era già stato sfrattato in quanto moroso. Di qui la contestazione del reato. (Ansa)

Articolo PrecedenteOspedale di Paola, Uil Fpl: «Direzione sanitaria assente. Quell’infermiera è incompatibile»
Prossimo ArticoloAl via la EuroCup di Basket in carrozzina, Versace e Latella: «Evento prestigioso che rende onore a Reggio Calabria»