Home Calabria Occhiuto: «Ricostruzione di un sistema sanitario distrutto da tanti anni di commissariamento»

Occhiuto: «Ricostruzione di un sistema sanitario distrutto da tanti anni di commissariamento»

Vertice a porte chiuse, a Cosenza, tra il presidente della Regione e commissario ad acta per la sanità ed i segretari generali regionali di Cgil, Cisl e Uil, Angelo Sposato, Tonino Russo e Santo Biondo

17
0
Occhiuto incontra sindacati Calabria

COSENZA – Vertice a porte chiuse, a Cosenza, tra il presidente della Regione Roberto Occhiuto, commissario ad acta per la sanità, ed i segretari generali regionali di Cgil, Cisl e Uil (Angelo Sposato, Tonino Russo e Santo Biondo) per parlare di sanità.

«Al centro di questo colloquio ci sono stati tutti i problemi che riguardano la ricostruzione di un sistema sanitario distrutto da tanti anni di commissariamento. I sindacati sono giustamente interessati, come i cittadini calabresi, alla ricostruzione del sistema sanitario».

Ha detto il presidente della Regione Roberto Occhiuto.

«Ho un rapporto costante con le organizzazioni sindacali – ha aggiunto Occhiuto – non solo con la Triplice che ho incontrato ora, ma anche con le altre organizzazioni rappresentative del settore.

Con Cgil, Cisl e Uil comunque ho un rapporto continuo di confronto e siccome ero a Cosenza mi è sembrato giusto che questo incontro potessimo farlo qui e nell’occasione potessi far vedere a loro anche quella che è questa sala, che è la nuova centrale operativa del 118 che rende il sistema dell’emergenza urgenza un po’ più civile in Calabria.

Quando io ho raccolto la sanità calabrese c’erano cinque sale operative del 118, sicuramente non come questa. Alcune non avevano nemmeno il collegamento Internet. È un lavoro duro, è un lavoro faticoso.

Purtroppo non ho la bacchetta magica, ma sono convinto che lavorando con determinazione qualche piccolo progresso, anche in un periodo così complicato per la sanità italiana e calabrese soprattutto, si può produrre».

Tornando ai contenuti dell’incontro Occhiuto ha detto che «abbiamo parlato di molte cose, delle liste d’attesa, della necessità di fare dei tavoli con i diversi direttori generali e commissari delle aziende sanitarie.

Già l’avevamo stabilito in un altro incontro che abbiamo fatto in Cittadella. Ho visto – ha sottolineato – che c’è un ritardo nella convocazione di questi tavoli da parte dei commissari e dei direttori generali sarà mia cura stimolarli affinché questo confronto, che per me è costante con le organizzazioni sindacali, possa essere costante anche a livello locale in tutte le aziende sanitarie e ospedaliere».

Articolo PrecedenteDda catanzarese chiede giudizio per 126 persone: c’è anche l’ex governatore Mario Oliverio
Prossimo ArticoloBilancio di previsione, arriva la diffida del Prefetto