Home Cultura Milano Cortina 2026, il contest per la scelta della mascotte: c’è la...

Milano Cortina 2026, il contest per la scelta della mascotte: c’è la scuola di Taverna

La coppia di ermellini è stata disegnata dall’Istituto comprensivo di Taverna in provincia di Catanzaro, sostenuto da Gianni Morandi. In gara anche la coppia di fiori realizzata dagli studenti dell’Istituto Comprensivo

202
0
La coppia di ermellini

SANREMO – Dal palco dell’Ariston parte ufficialmente il contest per la scelta della mascotte che sarà il simbolo delle olimpiadi e paralimpiadi invernali Milano Cortina 2026.

La scelta è tra due disegni: una coppia di ermellini disegnati dall’Istituto comprensivo di Taverna in provincia di Catanzaro, sostenuto da Gianni Morandi e la coppia di fiori realizzati dagli studenti dell’Istituto Comprensivo A.B. Sabin di Segrate (Milano) sponsorizzati da Amadeus.

Al concorso, promosso dal ministero dell’Istruzione in collaborazione con la Fondazione Milano Cortina 2026 hanno partecipato le scuole secondarie di primo grado, statali e paritarie, di tutto il territorio nazionale. Circa 400 le domande di adesione e 1600 le idee progettuali pervenute al ministero dell’Istruzione. Una commissione di esperti ha scelto i due disegni finalisti che sono stati presentati nel corso della seconda serata del Festival di Sanremo 2023.

L’iniziativa, lanciata dalla Fondazione Milano Cortina 2026 e dal Ministero dell’Istruzione nel giugno del 2021, ha coinvolto i docenti e gli studenti nella Road to the games, incoraggiando la partecipazione dei più giovani nel segno dei valori olimpici e paralimpici.

Il logo e l’inno sono già stati selezionati ora si dovrà di scegliere la mascotte che rappresenterà i valori e lo spirito delle Olimpiadi invernali che prenderanno ufficialmente il via il 6 febbraio 2026.

Ecco il link per votare https://milanocortina2026.olympics.com/

fiorellasquillaro@calabriainchieste.it

Articolo PrecedenteBosco: “Talerico in Regione, nostra maggioranza raffozata”
Prossimo ArticoloDiagnosticavano falsi tumori per rifare il seno gratis alle pazienti: tre medici sotto processo